31 Marzo 2017

Vanno alle Poste per incassare 165 mila euro, poi escono in manette

Nella mattinata odierna, a Ferentino, i militari della locale Stazione Carabinieri nel corso di un predisposto servizio di controllo del territorio hanno arrestato nella flagranza di reato due persone rispettivamente di 47 e 45 anni (già censiti per reati specifici).

Altre due, di 54 e 49 anni, sono state denunciate. Tutti si sono resi responsabili a vario titolo di truffa, falsità materiale e porto abusivo di armi.

In particolare, intorno alle ore 10.30, gli arrestati si sono presentati all’interno dell’Ufficio postale di Ferentino scalo, tentando di incassare un’assegno postale dell’importo di Euro 165.000,00, il cui beneficiario era uno dei due. I militari operanti, intervenuti su richiesta del Direttore, insospettitosi per la cifra esorbitante e per l’atteggiamento dei prevenuti, hanno fermato entrambi accertando che l’assegno in loro possesso presentava lo stesso numero e lo stesso importo di altro titolo emesso da un Ufficio postale della provincia di Caserta in favore di un’altra persona, la quale proprio in mattinata legittimamente lo aveva accreditato per una vendita immobiliare presso un Istituto di Credito.

I militari, inoltre, appena giunti all’interno dell’Ufficio, oltre ad accertare quanto sopra, hanno effettuato nell’immediatezza una perquisizione personale nei confronti di entrambi, trovando in dosso al 47enne un coltello a serramanico del genere proibito; gli operanti, hanno evitato altresì che le due persone potessero avere dei contatti telefonici, controllando a vista i loro telefoni cellulari.

Difatti, proprio dal controllo dei telefonini, i militari hanno scoperto la presenza di altri due correi posizionati all’esterno dell’Ufficio Postale, i quali non appena visti i militari si erano preoccupati di inviare sul telefono cellulare di uno dei due alcuni messaggi via whatsApp, comunicando la presenza delle Forze dell’Ordine, senza però che gli arrestati se ne avvedessero. Poco dopo, sono stati individuati anche i complici, fermati anch’essi. Ciò premesso, il 47enne ed il 45enne sono stati tratti in arresto, mentre i due complici sono stati denunciati in quanto incensurati. Il Direttore dell’Ufficio postale di Ferentino scalo ha ringraziato i Carabinieri per il loro tempestivo ed efficace intervento.

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
Coronavirus, la situazione allo Spallanzani: due pazienti in più in terapia intensiva

Coronavirus Spallanzani - Il bollettino emesso oggi dalla struttura sanitaria situata sulla Portuense.

Vaccino Coronavirus: Sanofi Anagni avvia la produzione

Vaccino Coronavirus - L'annuncio del Presidente del Consiglio Regionale, Mauro Buschini.

Luigi Di Maio: «L’Italia ha dimostrato con i fatti di essere un Paese solido e forte»

Luigi Di Maio - «Tutti ci riconoscono ruolo europeo e internazionale», ha detto il numero uno della Farnesina.

Emergenza Coronavirus: verso prolungamento al 31 Gennaio 2021

emergenza coronavirus - Lo ha anticipato il Presidente della Camera, Roberto Fico.

Coronavirus: la situazione complessiva nel Lazio

Coronavirus Lazio - La ripartizione complessiva dei casi dall'inizio della pandemia.

Peste bubbonica: nuovo allarme dalla Cina

Peste bubbonica Cina - Un bimbo di tre anni ha contratto il morbo nel sud del Paese.

Napoli, bambino si lancia dal decimo piano e muore. Aveva appena 11 anni

Napoli bambino - Il Dramma intorno alla mezzanotte nella zona di Mergellina.

4 Ristoranti di Alessandro Borghese a Frosinone. Quali saranno i locali partecipanti alla trasmissione?

Alessandro Borghese - Alessandro Borghese è stato avvistato stamani a Frosinone con il suo Peugeot Traveller.