martedì 1 luglio 2014 redazione@ferentino24.it

Stazione di Ferentino: un completo disastro

Da quanto hanno terminato la superstrada sono iniziati i "problemi": stazione più frequentata, disagi più evidenti

Il giorno 27 giugno, è stata protocollata al Sindaco, all’Assessore all’ Urbanistica e all’ Assessore al Turismo e politiche per la sicurezza la seguente richiesta: L’afflusso di pendolari nella stazione ferroviaria di Ferentino è in continuo aumento dovuto anche alla vicinanza di infrastrutture viarie come lo svincolo della superstrada Sora – Ferentino e il casello autostradale. La massiccia presenza di fruitori della stazione, meriterebbe maggior tutela e investimenti sul sito. Al contrario invece sono ricorrenti atti di vandalismo sia sui locali e sia sulle auto dei pendolari, spesso dovuti anche all’incuria del luogo.

L ’ultimo atto è stato segnalato, da una dettagliata lettera aperta , da parte di una cittadina. L’amministrazione comunale diverse volte ha sollecitato l’ente proprietario, la Rete Ferroviaria Italiana (RFI), ad adempiere al compito del “buon padre di famiglia” nella gestione dei locali e delle aree circostanti, ma nonostante questi solleciti la situazione non sembra essere migliorata (!). La stazione locale dimostra carenze croniche quali: mancata pulizia dei locali, assenza di predisposizione di dispositivi per la sicurezza, l’impossibilità di utilizzare i servizi igienici, mancata biglietteria e servizi, non sufficienti posti auto , assenza di aree di soste adeguate per i pendolari con panchine e pensiline adatte ( l’unica piccola area con giardino e fontanella pubblica è stata smantellata tempo fa, per dare spazio ad altro cemento! ).

Una “strategia” che sembra voler colpire tra i grandi centri, solo Ferentino, basta spostarsi di qualche chilometro, per rendersi conto ad esempio di come siano stati fatti interventi strutturali importanti ad esempio nella stazione di Ceccano. A conferma di questo, c’è anche la soppressione nel nostro Comune della fermata del treno n. 7526 delle ore 4:40 dal nuovo orario (!). Fermata, invece, rimasta inalterata per altri Comuni come Ceccano , Anagni e Castro dei Volsci. Treno questo utilizzato non sono dai lavoratori, ma anche dai pendolari della sanità che si svegliano all’alba per raggiungere in tempo utile i poli ospedalieri della Capitale.

Disservizio, al quale si aggiunge anche la posticipazione di orario del treno per Cassino n . 7529 che adesso giunge nella città martire per le 8:59 e non più alle 8.28, recando così notevole disagio agli studenti universitari e ai lavoratori. La stazione ferroviaria di Ferentino è il biglietto di visita nella nostra città, in modo particolare per i turisti. I flussi turistici possono rappresentare una boccato d’ossigeno importante alla nostra economia. Non è tollerabile che l’incuria del sito danneggi l’immagine di una intera comunità (!). Con la presente si chiede di formulare come amministrazione comunale una diffida nei confronti della Rete delle Ferrovie Italiane sia per richiamare il proprietario ai propri doveri di gestore dell’area (rendendo accogliente il luogo) e sia per il ripristino della fermata cancellata verso Roma e della rimodulazione dell’orario del treno verso Cassino. Infine si invitano gli assessori di competenza a mettere in campo strumenti urbanistici utili a creare un ambiente più sicuro e accogliente.

Marco Maddalena – Consigliere Comunale Ferentino di Sinistra Ecologia e Libertà

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI IN CIOCIARIA