martedì 17 giugno 2014 redazione@ferentino24.it

Più bassi della media i tempi di pagamento fornitori del Comune di Ferentino

L’assessore al bilancio, Franco Martini: «Con l’art. 47 del decreto legge 24 aprile 2014 n. 66 è stato imposto ai Comuni italiani un ulteriore contributo alla finanza pubblica (in pratica un ulteriore taglio ai trasferimenti erariali) pari a 375,6 milioni di euro per l’anno 2014 e 563,4 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2015 al 2017. Con la stessa norma è stato previsto che il “taglio”, per ogni singolo Comune, sia incrementato del 5 per cento per quegli enti che, nell’ultimo anno, hanno registrato tempi medi nei pagamenti relativi a transazioni commerciali superiori a 90 giorni, rispetto a quanto disposto dal decreto legislativo 9 ottobre 2002, n. 231 (in pratica rispetto al termine ordinario di 30 gg. da ricevimento fattura). Il Comune di Ferentino ha provveduto a trasmettere al Ministero dell’Interno, secondo le modalità ed entro i termini previsti indicati dallo stesso, una certificazione sottoscritta dal rappresentante legale, dal responsabile finanziario e dall’organo di revisione economico-finanziaria, attestante il tempo medio dei pagamenti dell’anno precedente, dalla quale è risultato che il tempo medio dei pagamenti effettuati nell’anno 2013 è stato pari a giorni 79. Il riscontro di tale parametro ha permesso al Comune di Ferentino di non aggravare gli effetti e le proporzioni dell’ennesimo taglio che lo Stato ha inteso operare ai trasferimenti erariali assegnati ai Comuni. Da ricordare, altresì, che l’anno scorso il Comune di Ferentino, in fase di applicazione del c.d. “sblocca debiti”, non usufruì del «Fondo per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili» messo a disposizione del Ministero dell’Economia e delle Finanze, ossia, non ebbe la necessità di chiedere allo Stato l’anticipo di fondi (in pratica un nuovo mutuo da rimborsare in 30 anni) per saldare i propri fornitori. Riuscì al contrario a pagare questi ultimi con i propri fondi e nei tempi previsti, senza appesantire il bilancio con nuovo indebitamento e senza giungere alla paradossale situazione di doversi indebitare per… pagare i propri debiti, a cui purtroppo molti enti locali hanno dovuto far ricorso per smaltire i propri debiti arretrati».

Il sindaco, Antonio Pompeo: «E’ ferma intenzione dell’Amministrazione comunale continuare a migliorare i propri risultati (ad es. il parametro dei tempi medi di pagamento, che nella prima parte del 2014 si sta ulteriormente ribassando) al fine di agevolare le aziende e i fornitori, che intrattengono rapporti con l’Amministrazione comunale, nell’attuale periodo di generale crisi finanziaria ed economica. Indubbiamente i risultati raggiunti sono da considerare davvero ragguardevoli, anche in considerazione del fatto che il Comune si ritrova spesso costretto ad anticipare somme ai fornitori con fondi propri, per interventi e spese che dovrebbero essere finanziate con contributi di enti terzi che, stante la generale condizione di difficoltà e di crisi, non vengono erogati all’Ente, se non con notevole ritardo. Ancor più lodevoli sono i risultati raggiunti se a tutte le considerazioni precedenti si aggiunge il fatto che, anche nel 2013, il Comune non ha mai fatto ricorso all’anticipazione di tesoreria, con i conseguenti interessi passivi che ne deriverebbero. Tale positiva situazione, non riscontrabile in molti enti locali, anche del nostro territorio, si verifica per Ferentino da marzo 2006, a ulteriore testimonianza dell’equilibrata gestione del bilancio comunale».

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI IN CIOCIARIA