martedì 3 dicembre 2013 redazione@ferentino24.it

Importanti lavori a Ferentino a favore del pendolarismo

Il sindaco Antonio Pompeo: “Nello specifico, due gli interventi: località S. Agata, e in Via Casilina, in prossimità dell’ITIS. Sono opere volte a raccogliere principalmente l’utenza pendolare, lavoratori, studente e universitario, del centro storico, che si recano maggiormente a Roma su gomma e/o nella locale Stazione ferroviaria. L’intervento nei pressi dell’ITIS oltre ad essere finalizzato all’adeguamento della fermata in sé, è diretto a raccogliere in maggior misura, in partenza e in arrivo circa seicento studenti provenienti dai paesi limitrofi. La scelta di questi punti deriva, innanzitutto, dalla volontà di realizzare due interventi che rappresentano le configurazioni di fermata previste dal Nuovo Codice della Strada. In secondo luogo i punti prescelti rappresentano la casistica tipo dell’intervento progettuale: situazione di traffico in ambito urbano piuttosto sostenuto, costituito da traffico automobilistico e di mezzi pubblici”.

L’assessore all’urbanistica, Massimo Gargani: “Si stima che la popolazione pendolare su gomma, rapportata alla dimensione demografica, rappresenta circa il 15% e che il trasporto pubblico su ferro e su gomma risponda principalmente alla domanda di mobilità di quanti, utilizzando il mezzo pubblico per raggiungere il lavoro o la scuola/università, partono e arrivano nelle vicinanze della stazione ferroviaria e dall’autostazione. E’ innegabile che sia assolutamente necessario permettere agli autobus di linea extraurbana di fare delle fermate lungo il tragitto, ma è altrettanto innegabile che il traffico veicolare è aumentato negli ultimi anni in maniera esponenziale e di fermate realizzate secondo le norme ve ne sono ben poche. Gli interventi sono inerenti alle tipologie indicate nell’art. 2 “Tipologie d’intervento ammesse a finanziamento” di cui al bando della Regione Lazio del 14.04.2011 n. 14 precisamente: fermate attrezzate e sicure con idonea illuminazione artificiale, ringhiere di protezione, idonee pensiline per il riparo dal sole e dalla pioggia e munite ove possibile di posti a sedere. Tali fermate (carreggiate e golfo) devono avere, da codice della strada, delle caratteristiche tecniche tali da consentire in assoluta sicurezza le manovre di salita e discesa da parte dei viaggiatori che utilizzano l’autobus come mezzo di trasporto”.

L’assessore ai Lavori Pubblici, Luigi Vittori: “Particolare attenzione, complementare rispetto alle motivazioni principali, ma comunque di particolare importanza per la qualità dell’intervento, è stata data alla scelta dei materiali che si andranno a porre in opera per un’integrazione e un miglioramento dell’arredo (panchine, illuminazione ecc.) che dovrà essere non solo sicuro, ma anche piacevole. In corrispondenza del tratto di striscia tratteggiata, saranno installati gli “occhi di gatto”, indispensabili per migliorare la visibilità nelle ore notturne”.

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI IN CIOCIARIA