29 novembre 2013 redazione@ciociaria24.net

Il Consiglio Comunale di Ferentino approva il bilancio 2013: tutte le info

Il sindaco Antonio Pompeo: Si è scelto il congelamento della fiscalità per non contribuire sul piano sociale alla crisi economica delle famiglie. Al di là della facile propaganda e di annunci ad effetto, il Consiglio ha riconosciuto la validità e l’impostazione del bilancio. Ancora una volta la maggioranza di Centrosinistra, compatta e determinata, ha dato riprova della consistenza e capacità di saper amministrare e di unione, tralasciando tentativi sterili da parte di chi improvvisa, restando di fatto sempre più isolati.

L’assessore al Bilancio: Franco Martini: Abbiamo sostenuto le difficoltà di una gestione amministrativa-economica assai complicata, in considerazione di dover controbilanciare l’ingente perdita di risorse riscontrabile a titolo di trasferimento da parte dello Stato centrale e della Regione. Limitatamente all’ultimo triennio 2011-2013 il bilancio comunale ha perso risorse per euro 2.014.423,77 dovuto ai trasferimenti tagliati dallo Stato e rimane il rischio concreto di minori entrate, allo stato non quantificabili, in relazione al minor gettito IMU e IRPEF. Il venir meno di contributi mette in difficoltà il Comune in settori molto importanti come quello socio-assistenziali e culturali. L’amministrazione ha inteso difendere i servizi e sono rimaste invariate le tariffe per TOSAP, imposta pubblicità, pubbliche affissioni, l’addizionale IRPEF con la soglia di esenzione per i redditi inferiori a euro 10mila, le tariffe IMU 0,4 per mille prima casa – 0,910 per mille seconda casa. Sono state mantenute tutte le tariffe per i servizi  a domanda: assistenza e servizi sociali, scuolabus, mensa, rette. Un discorso più articolato riguarda la TARSU. Come Amministrazione abbiamo scelto la TARSU anziché la Tares per non caricare sui contribuenti costi aggiuntivi che sarebbero stati inclusi nel piano finanziario Tares. Si raggiunge una percentuale di copertura del 94,84% rimodulando le tariffe del 20% per tutte le categorie di applicazione. Si è scelto di non coprire il 100% per non vessare ancora i contribuenti. I problemi di Ferentino sono gli stessi con cui stanno facendo i conti tutti i Comuni, molti dei quali faticano a chiudere i bilanci anche facendo ricorso alla leva fiscale. L’amministrazione intende difendere i servizi e il decoro della città, consapevole che è necessario salvaguardare la coesione sociale, aumentare il senso di solidarietà, affrontare le nuove povertà e i bisogni che la crisi rende più pressanti ed evidenti. Ci sono progetti che vanno nella direzione di funzioni d’indirizzo, di controllo, di gestione per puntare a una riduzione dei costi e a un miglioramento dei servizi, facendo in modo che queste innovazioni si radichino, si estendano e producano quanto prima i loro effetti. Non perdendo di vista le problematiche del rispetto del Patto di stabilità e le conseguenze dei ritardi dei finanziamenti dovuti da Enti esterni. Siamo chiamati e impegnati a continuare quell’attento processo di analisi e continuo monitoraggio della spesa per verificare l’efficacia e l’efficienza dei servizi resi, la loro rispondenza agli effettivi bisogni e definire le priorità.

Il sindaco Antonio Pompeo: Mi preme osservare che la certezza dei numeri, unita a obiettivi specifici, tempistica ed efficiente sistema di monitoraggio, che da diversi anni contraddistingue il nostro bilancio e che ci ha permesso di chiudere in saldo positivo diverse ultime annualità, il costante impegno, apporto e indicazioni dei partiti, la professionalità e competenza dell’apparato amministrativo, come degli organi di revisione e controllo, hanno assicurando al contempo crescita e sviluppo al territorio. Nonostante la rigidità del bilancio abbiamo avuto attività e interventi effettivi per i cittadini, a partire dal settore dei servizi sociali, culturale, iniziative varie, patrocinio di manifestazioni che hanno confermato la validità delle proposte, per arrivare a concreti interventi sulla viabilità comunale, messa in sicurezza di strade estensione della pubblica illuminazione e rete gas, manutenzioni puntuali ed efficaci. Soddisfazione anche per aver portato a termine i lavori presso Palazzo Consolare con la nuova funzionale sistemazione e utilizzo della Biblioteca. Nella seduta odierna altrettante deliberazioni fondamentali approvate dal Consiglio: il protocollo d’intesa con la provincia di Frosinone per il rinnovo della Convenzione che determina l’impegno delle parti nel mantenere i Corsi dell’Accademia di Belle Arti in città. L’applicazione dell’avanzo di amministrazione ai sensi dell’art. 187 del D.Lgs 267/00. E in ordine a trasparenza amministrativa, come si può verificare dall’aggiornamento costante del sito del Comune, l’approvazione del regolamento sulla pubblicità e trasparenza della situazione patrimoniale degli eletti. Anche se la decisione di contrarre nuovi mutui dovrà essere inquadrata nella rigida ottica dell’equilibrio complessivo di bilancio, nel piano triennale delle opere pubbliche 2014-2016 e l’elenco annuale di lavori per il 2014 sono stati individuati interventi e risorse che ci impegneranno come Comune a indirizzare la nostra azione amministrativa verso quegli obiettivi ritenuti prioritari, messa in sicurezza plessi scolastici, completamento interventi Lapidario e Mura Poligonali, realizzazione rotatoria uscita casello, parcheggio Via Consolare, sistemazione marciapiedi Via Casilina sud, adeguamento impianto luci votive, obiettivi qualificanti, recupero area del Teatro Romano, valorizzazione del Borgo di Porciano, emergenza abitativa. Questa, una sintesi dell’azione che come amministrazione intendiamo adottare, uno stimolo e incentivo per la responsabilità che ognuno di noi ha nei confronti della comunità. Tutto ciò attesta e rappresenta sicuramente il segno e l’indicazione di organizzazione ed efficienza politico-amministrativa, che con il tempo si consolida, sempre che tutti tengano a svolgere con passione e partecipazione il proprio ruolo e attività nella giusta direzione. Sono convinto e fiducioso nell’apporto delle forze politiche, nello spirito di condivisione dei consiglieri, che sapranno raccogliere e rappresentare le esigenze di cittadini nella consapevolezza di un difficile percorso gestionale, ma nella forte convinzione che unità d’intenti, compattezza e lealtà politica saranno garanti della nostra giusta azione amministrativa.

Menu