Ferentino: ecco il “Grande Fratello”

La novità di cui si parla da tempo nella città gigliata è realtà. Ora si attenderanno i risultati

Via libera del Comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza al progetto di videosorveglianza del Comune di Ferentino. La soddisfazione del sindaco, Antonio Pompeo: «Il Comitato ha manifestato apprezzamento e ha valutato molto positivamente tutto l’impianto. L’amministrazione può essere orgogliosa di questo progetto che potrà garantire migliore controllo e sicurezza sia nel centro storico sia in altre zone della città ove la percezione di sicurezza va maggiormente garantita ai cittadini. Con tale progetto verranno installate dieci nuove telecamere in aggiunta alle preesistenti postazioni di videosorveglianza».

Il progetto è stato preso in esame e valutato all’interno del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, riunitosi il 10 luglio a Frosinone. Presieduto dal Prefetto, dottoressa Emilia Zarrilli, vi hanno preso parte tutti i responsabili provinciali delle forze dell’ordine e in rappresentanza dell’amministrazione comunale vi era il sindaco in prima persona, fortemente attento ed impegnato alle problematiche relative alla sicurezza ed alla vivibilità del territorio della città, che rappresenta con orgoglio. Una riunione intensa, sostiene l’avvocato Pompeo, quella svolta in Prefettura sull’ordine e la sicurezza pubblica, la cui approvazione risulta fondamentale per le procedure, come quella citata, anche alla luce della grande attenzione e partecipazione del Prefetto di Frosinone in tema di sicurezza.

Fra le questioni all’attenzione del Comitato, in tale seduta, anche il progetto di implementazione del sistema di videosorveglianza del Comune di Ferentino. Un passaggio necessario e indispensabile prima che l’impianto vada a regime. Le ulteriori dieci telecamere saranno presto installate e grazie al sistema wifi collegate alla sede centrale e ai monitor della Polizia Municipale, che potrà così controllare, in tempo reale, le aree interessate. Il piano, frutto del lavoro sinergico degli uffici comunali, è stato valutato e concordato con la Questura di Frosinone e la Prefettura che hanno seguito tutto l’iter.

Le risorse economiche messe a disposizione dal Comune – spiega il sindaco, Antonio Pompeo – hanno consentito di dotarci di strumenti utili a verificare e contrastare i fenomeni criminosi. La nostra idea progettuale mira ad una implementazione del sistema di videosorveglianza, già attivo sul territorio cittadino, per prevenire, in particolare, i crimini ambientali. Il rispetto della legalità e della sicurezza rappresentano i temi prioritari su cui ho inteso impegnarmi sin dall’inizio del mandato. L’obiettivo principale del sistema di videosorveglianza, che abbiamo implementato, è quello di monitorare in maniera efficace il traffico nelle principali vie di collegamento, anche allo scopo di ricostruire le dinamiche dei sinistri. Oltre che in prossimità di strade e incroci le telecamere sono installate anche nei luoghi di aggregazione, che nelle ore notturne rimangono isolati, per prevenire atti vandalici o al limite per risalire ai responsabili.

Ferentino-video-a

Menu