giovedì 11 giugno 2015 redazione@ferentino24.it

Ferentino: 670 mila euro per la “Simone Cola”. E ora Pompeo si toglie i sassolini

La Regione Lazio ha approvato, con determina n. G06156 del 20.05.15 e pubblicata sul Burl, n. 43 del 28.05.15, la graduatoria degli interventi ammissibili a finanziamento per l’edilizia scolastica. Tra i progetti risultati idonei, anche quello presentato dal Comune di Ferentino: 670 mila euro per la scuola elementare Simone Cola. Il provvedimento, adottato in autotutela, come recita l’oggetto della determina, si è reso necessario per rettificare la precedente determinazione di approvazione della graduatoria, la n. G05255 del 29 aprile 2015.

Una rettifica, motivata dal fatto che “sono stati accertati alcuni errori materiali nella trasposizione sul foglio elettronico dei punteggi previsti nell’Avviso e che alcune domande di finanziamento non sono state istruite in quanto la posta elettronica certificata (PEC) trasmessa è stata erroneamente smistata”. Per cui si è reso necessario attribuire i corretti punteggi conformemente a quanto previsto nell’Avviso e procedere all’istruttoria delle domande pervenute e non valutate per l’erronea gestione della posta elettronica certificata (PEC): quella della Regione Lazio e non dei soggetti che hanno trasmesso la documentazione.

Il sindaco di Ferentino, Antonio Pompeo: «Uno dei segnali distintivi che abbiamo voluto imprimere alla macchina amministrativa è la piena funzionalità degli uffici, soprattutto per quanto concerne la capacità di rispondere ai bandi e agli avvisi. Abbiamo organizzato una struttura che attenziona, studia e poi progetta rispetto a tutte quelle opportunità che sono a disposizione dell’ente pubblico locale. La graduatoria validata dalla Regione Lazio ne è l’ennesima dimostrazione. Colgo l’occasione per rivolgere sentiti apprezzamenti alla nostra struttura tecnica sia per la qualità sia per i risultati del lavoro che svolgono. Ora attendiamo il passaggio dell’iter della graduatoria al Ministero dell’Istruzione. C’è chi ha voluto speculare su una nostra eventuale esclusione dalla graduatoria sull’edilizia scolastica, insinuando un clamoroso errore di preparazione della richiesta di finanziamento, sostenendo che non era stato rispettando il bando. Purtroppo, a dimostrazione che il tempo è galantuomo, i documenti dimostrano il contrario».

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI IN CIOCIARIA