lunedì 11 maggio 2015 redazione@ferentino24.it

Clamoroso a Ferentino: futura sposa scappa con l’amante!

Sembra una storia “hollywoodiana” quella che arriva da Ferentino. Protagonisti della vicenda: lei, lui e… l’altro. Di seguito la ricostruzione dell’accaduto nell’articolo di Nicoletta Fini pubblicato stamane sul Quotidiano Ciociaria Editoriale Oggi.

«Tra qualche mese avrebbe dovuto pronunciare il “fatidico sì” davanti all’altare. Era tutto pronto: chiesa, abito, bomboniere, lista degli invitati, ristorante, confetti, regali, il “nido d’amore”, viaggio di nozze. Tutto impeccabile. Mancava però la cosa più importante: l’amore. E la protagonista della storia se ne è accorta prima di indossare la fede nuziale. Una mattina ha deciso di fare le valigie e scappare.

Non da sola, ma con l’uomo della sua vita. Non avendo più sue notizie, i famigliari ne hanno denunciato la scomparsa ai carabinieri fino a che, pochi giorni fa, hanno conosciuto la verità: la ragazza si era allontanata volontariamente. «Sono scappata con l’amore della mia vita»: questo il messaggio inviato da un numero sconosciuto, poi disattivato. Non si tratta della trama di un film ma di quanto accaduto nella città gigliata.

Tre i protagonisti: lei 35 anni, l’ormai ex fidanzato, suo coetaneo, con cui aveva fissato la data del matrimonio, e l’altro, un ragazzo molto più giovane. Tutti e tre di Ferentino. Della donna non si avevano più notizie dall’inizio della scorsa settimana. Numerose le telefonate indirizzate al suo numero di cellulare. Telefono, però, che risultava sempre spento. Trascorse le ventiquattro ore i familiari si sono recati in caserma per denunciare la scomparsa della figlia.

Immediatamente i militari della stazione, al comando del maresciallo Raffaele Alborino, hanno avviato le indagini. Nel frattempo la macchina della donna è stata ritrovata in un parcheggio vicino a un supermercato di Ferentino. Era chiusa a chiave. Tanta l’apprensione dei parenti che hanno iniziato a temere il peggio per la trentacinquenne, fin quando è arrivato un messaggio sul telefono del genitore.

Era la figlia a mettersi in contatto con loro e a “rassicurarli”. Una fuga che ha destato sconcerto e incredulità tra amici e familiari. Rabbia, amarezza e sconforto nell’uomo che tra qualche mese avrebbe dovuto sposarla. Ma, come dice un vecchio detto, “al cuor non si comanda”. Ora per i famigliari e lo sposo mancato l’imbarazzo di informare gli invitati, annullare preparativi, disdire il ristorante, la chiesa, buffet e, soprattutto, la forza di mettersi il cuore, o meglio, l’anima in pace».

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI IN CIOCIARIA